Come cambiare host web per il tuo sito WordPress

Quando decidi di passare dal tuo attuale servizio di web hosting, di solito è dopo che hai esaurito la tua pazienza e tutte le strade disponibili per far funzionare il tuo sistema in corso.


Perché?

Perché cambiare provider di hosting è spesso snervante e pieno di errori, anche dopo aver fatto i compiti e deciso su una piattaforma adatta alle tue esigenze. La maggior parte delle persone indietreggia per l’inconveniente e l’abbondante opportunità di problemi causati dal cambio.

Per ridurre al minimo stress ed errori, abbiamo fornito questa guida per rendere il processo il più semplice e sicuro possibile.

Iniziamo!

La nostra raccomandazione: chiedi alla tua società di hosting!

Questa guida è motivata dall’unità per rendere la tua esperienza di migrazione semplice e facile. A tale proposito, un host di alta qualità allevierà ulteriormente il tuo carico gestendo tutte le migrazioni.

HostPapa, che risulta essere uno dei nostri migliori partner, offre un servizio di migrazione completamente manuale in modo da non dover sudare la migrazione del tuo sito. Tutto quello che devi fare è fornire loro i tuoi dati di accesso. Dai un’occhiata alla nostra recensione su HostPapa

Assembla le risorse che ti serviranno

Devi mettere tutte le tue anatre di fila. Pertanto, raccogli tutto il necessario per il passaggio. Come dice il proverbio, è meglio averlo e non averne bisogno che averne bisogno e non averlo.

  • Assicurati di avere accesso sia al vecchio che al nuovo account di hosting – Alcune di queste modifiche richiedono privilegi elevati, quindi assicurati di avere non solo le giuste credenziali di accesso ma anche l’accesso amministrativo.
  • Assicurati di avere accesso al tuo database – Le campane e i fischietti potrebbero cambiare sulla nuova piattaforma, ma i tuoi dati rimangono più rilevanti che mai. Così come è necessario disporre delle credenziali di accesso per accedere ai propri account, è necessario anche che queste abbiano accesso al database.
  • Utilizzare un client FTP. – Avrai bisogno di un client FTP per spostare i dati tra i server. Ci sono grandi opzioni disponibili tra cui scegliere, come Filezilla.
  • Ottieni un editor di testo affidabile. – Avrai bisogno di un buon editor di testo poiché apporterai molte modifiche. Notepad ++ è un ottimo esempio.

Una volta raccolti tutti gli strumenti e le risorse necessarie, è ora di iniziare. Fai un respiro profondo e tuffiamoci nella prima fase del processo.

A. Una procedura dettagliata per spostare manualmente il tuo sito da un host a un altro

Questa sezione mostra come eseguire manualmente l’interruttore. Se stai cercando un processo che utilizza il plug-in di WordPress, scorri più in basso fino a quella sezione.

1. Innanzitutto, eseguire il backup dei file

Niente è a prova di errore, quindi la prima cosa da fare prima di migrare è eseguire il backup di tutti i file. Pertanto, in caso di incidente o errore sfortunato, è possibile ripristinare il sistema dai dati di backup.

Questo aspetto del processo richiederà probabilmente più tempo poiché trasferirà sia i file di sistema sia tutti i tuoi file. Per questo consigliamo di utilizzare un sistema FTP o SFTP. FTP è l’acronimo di protocollo di trasferimento file e consente di accedere e trasferire file su una rete di computer.

Avviare il client FTP e inserire le credenziali per accedere al server FTP. Passa alla directory principale del tuo sito Web WordPress, soprattutto se non è configurato come pagina di destinazione per impostazione predefinita.

Seleziona tutti i file. I sistemi di solito hanno file nascosti per proteggere gli utenti dall’eliminazione e dalla modifica accidentale o addirittura intenzionale. Uno di questi file è il file .htaccess. Indica al client FTP di mostrare tutti i file nascosti per assicurarti di non ometterne nessuno.

Ad esempio, se stai utilizzando FileZilla, puoi farlo tramite Server > Forza la visualizzazione di file nascosti.

Dopo aver contrassegnato i file selezionati, copiali in una posizione che hai designato sul tuo computer. Il processo di copia potrebbe richiedere del tempo, a seconda delle dimensioni del tuo sito.

2. Esporta il database MySQL

La fase successiva del processo di migrazione prevede l’esportazione dell’intero database. Sebbene siano disponibili diversi strumenti, consiglio vivamente di utilizzare phpMyAdmin per questa attività perché è semplice, intuitivo e intuitivo.

phpMyAdmin

Nel pannello di sinistra sono elencati i database disponibili. Seleziona semplicemente quello che desideri esportare. Se non sei sicuro di quale esattamente, controlla il file wp-config.php del tuo sito web attuale. Questo file fornisce i dettagli di configurazione di base per il tuo sito Web WordPress.

Controllare la voce in cui è definito il nome del database. Dovrebbe sembrare come questo:

Da elencare al posto del ‘Database_name_here’ segnaposto è il nome effettivo del database..

Al termine, passare alla scheda di esportazione:

Sono disponibili due metodi di esportazione. Scegli personalizzato.

Di seguito è riportato un elenco delle opzioni di menu in Personalizzato, che spiega le scelte ottimali da effettuare:

  • Formato – Lascialo sull’opzione SQL predefinita.
  • Tabelle – Le tabelle da esportare devono essere contrassegnate.
  • Produzione – Per rendere il download più veloce, imposta Compression su zippato o compresso con zip.
  • Opzioni specifiche del formato – Lasciare l’opzione predefinita.
  • Opzioni per la creazione di oggetti – Seleziona l’opzione Aggiungi DROP TABLE / VIEW / PROCEDURE / FUNCTION / EVENT / TRIGGER.
  • Opzioni di creazione dei dati – Lasciare l’opzione predefinita.

Dopo aver completato tutte le selezioni, fai clic sul pulsante Vai nella parte inferiore del modulo.

Questa azione dovrebbe esportare i tuoi dati come download di file. Salvare in una posizione facilmente accessibile sul computer e procedere al passaggio successivo.

3. Nel nuovo host, creare un database

Devi importare il tuo database nella nuova piattaforma host. Ma prima, devi creare una home sul nuovo sistema per il database. Ogni host è un po ‘strano, ma trova la sezione sul tuo host che si occupa di database e procedi come segue:

  • Crea un nuovo database.
  • Creare un utente del database e concedere all’utente i privilegi amministrativi completi.
  • Proteggi e archivia la password dell’utente in un luogo sicuro.

4. Modifica il file di configurazione del sistema (wp-config.php)

Utilizzeremo nuovamente il file wp-config.php. È un file importante che contiene la configurazione di base del tuo sito, la gestione della connettività del database e la comunicazione.

Crea una copia di questo file e conservalo in un luogo sicuro. Quindi apri il file originale nel tuo editor di testo e apporta le seguenti modifiche:

Sostituisci database_name_here, username_here e password_here con le informazioni effettive per il nome del database, il nome utente e la password dell’host corrente, rispettivamente.

Al posto di localhost, inserisci il nome del server MySQL o lascialo come localhost se questa è l’impostazione consentita dal tuo provider di hosting.

Dopo aver completato le modifiche necessarie, salvare le modifiche.

5. Carica i tuoi file sul nuovo host

L’ultima volta, hai scaricato i tuoi file dal tuo vecchio servizio di hosting. Ma ora invertiremo il processo e inizieremo invece a caricare quei file sul tuo nuovo host. Il completamento del processo potrebbe richiedere molto tempo, quindi si consiglia di avviare il processo mentre si continua con altri aspetti della migrazione.

Avvia il tuo client FTP, ma questa volta connettiti al nuovo server. Questa connessione richiede alcune modifiche per riflettere questa realtà inserendo l’indirizzo IP di questo nuovo server anziché quello precedente nel client FTP. Di solito puoi trovare questo nuovo indirizzo IP nel tuo account di hosting, ma se non sei sicuro, contatta l’assistenza tecnica.

Dopo aver stabilito la connettività con il nuovo host, individuare i file scaricati in precedenza e caricarli di conseguenza. Assicurati di includere il file wp-config.php nella directory principale. Se il caricamento è ancora in esecuzione, passa all’attività successiva in quanto puoi eseguire altre attività contemporaneamente.

6. Importa il tuo database nel nuovo host

È possibile importare il database mentre è in corso il caricamento del file. Accedi utilizzando lo strumento di amministrazione del database fornito dal tuo nuovo host, che supponiamo sia phpMyAdmin.

Dopo aver selezionato il database creato in precedenza sul nuovo host, fai clic sulla scheda di importazione.

importazione di database

In File da importare, cerca il file che hai esportato facendo clic sul pulsante Sfoglia.

Lascia tutte le altre opzioni come predefinite e scorri verso il basso fino alla fine del modulo e fai clic sul pulsante Vai per iniziare l’importazione. Il tempo necessario per completare l’importazione del database dipenderà ovviamente dalle dimensioni dei file.

Al completamento del processo di importazione, riceverai una notifica di feedback.

Opzione aggiuntiva: quando si cambia & Modifica degli URL

In uno scenario in cui ti stai trasferendo in un nuovo host e cambiando anche l’URL del tuo sito, è necessario eseguire un ulteriore passaggio: sostituire i riferimenti al vecchio URL nel tuo database con quello nuovo.

Nel caso in cui i tuoi riferimenti URL siano sparsi in più script PHP anziché essere centralizzati, puoi usare questo script Cerca Sostituisci DB per comodità. Funziona come una ricerca nel database e sostituisce lo script in PHP ed è disponibile gratuitamente.

Una volta fatto, assicurati di seguire il suo avviso MAI di lasciare lo script sul server.

7. Modifiche all’effetto sul server DNS

Il tuo nuovo server deve puntare al tuo URL, che comporta la modifica delle impostazioni del server DNS. Questo processo dipende da dove è stato inizialmente registrato il dominio dell’URL. Se il dominio è stato registrato con il tuo vecchio provider di hosting, dovrai trasferire l’intero dominio al tuo nuovo provider. Il servizio clienti dovrebbe essere in grado di assisterti nel trasferimento.

Tuttavia, se hai acquistato il dominio da un registrar di domini come Domain.com, le impostazioni del tuo nameserver dovranno essere aggiornate. Ottieni l’indirizzo del nameserver del tuo nuovo host e connettilo con il tuo nuovo dominio. Nel caso in cui non si abbia familiarità con essi, gli indirizzi dei nameserver di solito sembrano simili a questi: ns1.yourhost.com, ns2.yourhost.com

Connetti questo indirizzo nameserver al tuo dominio. Il processo dipenderà da dove hai acquistato il dominio. Di seguito sono riportate le istruzioni per i casi normali:

  • Domini registrati con GoDaddy
  • Modifica dei server DNS su HostGator
  • Come modificare i server dei nomi su Domain.com

Le modifiche richiedono fino a 48 ore prima che entrino in vigore. Per monitorare quando il processo è completo, utilizza strumenti come Qual è il mio DNS. Tuttavia, non apportare alcuna modifica al tuo sito fino a quando questo processo non viene eseguito perché stai ancora cambiando la vecchia posizione anziché quella nuova.

Non appena il processo è completo, le migrazioni dovrebbero essere eseguite senza tempi di inattività. Inoltre, poiché sia ​​il vecchio che il nuovo sito hanno essenzialmente lo stesso contenuto, gli utenti non noterebbero alcuna differenza.

8. Eseguire la pulizia

Alcune pulizie sono in ordine una volta che la modifica del DNS è stata finalmente eseguita. Torna al tuo vecchio host, elimina il database e tutti i file. Idealmente, dovresti aspettare almeno una settimana prima di farlo per assicurarti che tutto funzioni bene.

Nel caso in cui sia necessario ripristinare la migrazione, conservare copie dei file di configurazione essenziali come wp-config.php.

B. Cambio di host web tramite il plugin WordPress

Il processo manuale di cui abbiamo discusso finora può essere ugualmente eseguito automaticamente e molto più facilmente con l’aiuto dei plugin. Esistono diverse opzioni, ma ci concentreremo sul plugin Duplicator per questa illustrazione.

1. Installazione del plugin Duplicator

Per installare questo plugin, devi aver effettuato l’accesso al tuo sito Web WordPress. Sotto Dashboard, trova il menu Plugin → Aggiungi nuovo e cerca Duplicatore. Fai clic su Installa ora quando i risultati tornano.

Dopo che WordPress ha terminato l’installazione del plug-in, fai clic sul pulsante Attiva per iniziare a usarlo.

2. Successivamente, esporta il sito esistente

Dopo l’attivazione, dovresti trovare il plug-in Duplicator nell’area di lavoro dei plug-in installati. Fare clic sull’opzione Gestisci per iniziare il processo successivo.

A questo punto, non hai ancora creato i pacchetti che utilizzerà. Questi pacchetti sono le versioni compresse del tuo sito Web e database. Fai clic sul pulsante Crea nuovo nell’angolo in alto a destra del modulo per modificarlo.

Vengono presentate tre scelte:

  • Conservazione – Configura dove archiviare il backup. A meno che tu non abbia acquistato la versione pro del Duplicatore, l’unica opzione attualmente disponibile è il tuo server.
  • Archivio – Specificare file e segmenti del database per l’esclusione. Fallo solo se hai buone ragioni.
  • Installatore – Ti consente di compilare le informazioni del database dell’ambiente del tuo nuovo server.

Fare clic sul pulsante Avanti al termine. Il plug-in eseguirà un controllo del sistema per assicurarsi che abbia tutto il necessario per procedere. Quando la scansione è completa e corretta, dovresti vedere i seguenti risultati:

Se sei soddisfatto, inizia il processo di creazione facendo clic sul pulsante Crea.

Verrà visualizzato l’avanzamento dell’operazione. Al termine, dovresti vedere questa schermata:

Scarica il tuo archivio e il programma di installazione singolarmente o tutti in una volta con il link per il download con un clic.

Congratulazioni, hai finito di esportare il sito esistente.

3. Carica file usando FTP

Successivamente, carica i file scaricati sul nuovo server host tramite FTP utilizzando il suo indirizzo IP anziché il dominio.

Assicurati che la directory principale del tuo sito sia vuota. Carica sia il programma di installazione che l’archivio nella directory principale.

4. Creare un nuovo database

Come il processo precedente, dovrai comunque creare un database sul tuo nuovo host. Fallo e assicurati che almeno un utente disponga dei privilegi completi per amministrarlo. Nota la versione del server MySQL fornita dall’host e proteggi la password del database in un luogo sicuro.

5. Stabilire la connettività al nuovo sito Web

Se usi lo stesso nome di dominio del tuo sito precedente, potresti riscontrare alcuni problemi in questa fase, perché il tuo dominio punta ancora al tuo vecchio sito. A differenza del processo manuale in cui ho raccomandato di modificare le impostazioni del tuo server DNS, quella soluzione avrebbe vanificato lo scopo di una migrazione più veloce, che l’uso di un plugin promuove.

Fortunatamente, esiste una soluzione alternativa utilizzando il file host del tuo computer. È possibile mappare localmente i nomi di dominio su indirizzi IP specifici, consentendo di accedere ai file sul nuovo server attraverso il vecchio dominio.

(Puoi saltare completamente questa sezione se stai utilizzando un nuovo dominio.)

Ottieni l’indirizzo IP del tuo nuovo server dal tuo fornitore di servizi se non lo possiedi.

La modalità di apertura del file dell’host dipende dalla piattaforma del sistema operativo, quindi ecco alcune opzioni:

  • Finestre – Nel menu della barra delle applicazioni, cerca “Blocco note”. Richiede privilegi elevati, quindi fai clic con il pulsante destro del mouse e scegli “Esegui come amministratore”. Utilizzare l’editor per aprire c: \ windows \ system32 \ drivers \ etc \ hosts. Assicurati di cercare “Tutti i file” per individuare il file.
  • Mac OS – Usa l’app del terminale e inserisci il comando sudo nano / etc / hosts, dopo di che ti verrà richiesta la password dell’amministratore.
  • Linux – Stesso metodo con Mac OS.

Dopo aver ottenuto l’accesso al file, inserisci sia l’indirizzo IP del nuovo host sia il nome di dominio del tuo sito, in questo modo:

Sostituisci il segnaposto yoursite.com con il dominio reale e 192.165.1.10 con l’indirizzo IP effettivo del nuovo host.

Nota: lo spazio che separa l’indirizzo IP e il nome di dominio nell’esempio mostrato è uno spazio di tabulazione.

Avvertimento: Una volta completato il processo di migrazione, non dimenticare di assicurarti di riportare il file host al suo contenuto originale.

6. Avviare il processo di migrazione

Prepara i tuoi lombi perché è il momento di iniziare la migrazione sul serio. Naviga con il tuo browser su http://yoursite.com/installer.php (sostituisci il tuo dominio reale.) In generale, dovresti vedere ciò che equivale a questa schermata:

Duplicatore

Garantire il superamento di tutti i controlli di convalida, in particolare quelli di archiviazione e convalida. Fare clic sul pulsante Avanti per iniziare il processo di distribuzione.

Una volta completata l’estrazione del file, verrai portato al passaggio successivo che richiede l’identificazione del database e le credenziali di accesso.

Immettere le informazioni del database richieste, fare clic sul pulsante Test database per assicurarsi che tutto sia in ordine. Se va bene, fai clic sul pulsante Avanti per iniziare a importare il database.

Il passaggio successivo offrirà l’opportunità di sostituire l’URL precedente con quello nuovo.

Fai clic sul pulsante Avanti al termine per consentire al plug-in di finalizzare il processo e vedere qualcosa di simile a questo:

Lo schermo riporta se tutto è andato bene e offre l’opportunità di finalizzare l’installazione fornendo un link per accedere al tuo sito.

Seguire le istruzioni, in particolare quelle sulla rimozione di TUTTI i file di installazione al termine.

7. Infine, aggiorna il server dei nomi DNS

Abbiamo già discusso in dettaglio questo passaggio, quindi è necessario fare riferimento a quella sezione. Ottieni gli indirizzi dei nameserver dal tuo nuovo host, quindi collegali al tuo dominio. Come al solito, attendi che la modifica abbia avuto effetto prima di apportare qualsiasi modifica al tuo sito.

Bene, le congratulazioni sono in ordine: hai appena imparato a cambiare host web per il tuo sito WordPress. Eccezionale!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me

About the author

Adblock
detector