Namecheap Review: fa hosting oltre a domini?

È un po ‘strano che la maggior parte delle recensioni di Namecheap riguardino la registrazione e la gestione dei nomi di dominio. In effetti, questo è uno dei più grandi registrar al mondo, ma offre anche l’intera gamma di soluzioni di hosting Linux: WordPress condiviso, gestito, server virtuali e dedicati.


Tuttavia, trovare una recensione completa di Namecheap sulle soluzioni di hosting dell’azienda è sorprendentemente difficile nel 2019.

Ecco perché mi sono iscritto al piano di hosting condiviso medio dell’azienda, ho creato un sito WordPress di base e l’ho collegato a strumenti di monitoraggio per misurarne le prestazioni nel tempo.

Metriche precise e regolari possono rivelare le vere qualità di un host web e rispondere a molte domande. Tuttavia, la maggior parte di questi si riduce a una semplice query:

Namecheap è buono?

Scopriamolo.

"Risposta del server veloce e conveniente"

uptime

99,89%

Supporto

9/10

Velocità di caricamento

1.00s

Caratteristiche

7/10

OVERAL2.5

Gli elementi essenziali: Namecheap Uptime, velocità e supporto

Un host è valido solo come i suoi server e il team di supporto.

1. Elevati tempi di attività – 99,98%

Di gran lunga la qualità più importante di qualsiasi host web degna di nota è la disponibilità. I clienti pagano per avere le loro pagine Web accessibili; questo è l’hosting web.

Ogni volta che un sito è offline, indipendentemente dal motivo alla base dell’interruzione, mancano visitatori e entrate.

Ecco perché tutti i principali provider di hosting di siti Web promettono un uptime del 99,9% e oltre.

Namecheap è stata l’unica azienda oltre a DreamHost a garantire il 100% di uptime e offre compensi ogni volta che la promessa viene meno. Di recente, la promessa è stata cambiata nel 99,9% più realistico.

A differenza di molte altre recensioni di hosting Namecheap che ho visto online, mi affido ai dati in tempo reale per monitorare i siti che collaudo. Il mio strumento di monitoraggio è StatusCake ed è impostato per sondare il mio sito Namecheap WordPress da tre server separati prima di annunciarlo inaccessibile.

All’inizio, il piccolo sito che ho visitato a Namecheap è andato giù più volte.

È stato un po ‘deludente vedere una disponibilità media del 99,82% nel 2018.

Tuttavia, da febbraio 2019 i tempi di attività non sono mai scesi al di sotto del 99,9% e le ottime prestazioni continuano fino al 2020.

Uptime medio 2018 – 99,82%

Uptime medio 2019:

  • Gennaio – 99,87%
  • Febbraio – 99,96%
  • Marzo – 99,98%
  • Aprile – 99,99%
  • Maggio – 99,97%
  • Giugno – 100%
  • Luglio – 99,91%
  • Agosto – 99,98%
  • Settembre – 99,99%
  • Ottobre – 100%
  • Novembre – 99,95%
  • Dicembre – 100%

Uptime medio 2020:

  • Gennaio – 99,99%

"Negli ultimi mesi Namecheap offre inevitabilmente i tempi di attività promessi."

2. Velocità ragionevole

  • Tempo di risposta rapida – 0,36 s (5 °)
  • OK Tempo di caricamento completo – 0,98 s (8 °)
  • Lento sotto carico – 1.25s (13 °)

Nota: se esegui test di velocità sul mio dominio, i risultati potrebbero variare leggermente. Anche dalla stessa piattaforma di test due test normalmente mostrano risultati leggermente diversi. Il mio sito Namecheap è ospitato in Arizona, quindi l’ho testato da sedi negli Stati Uniti. Tutti i plugin e la cache sul lato server sono stati disabilitati.

La velocità del sito Web è sempre più importante. Per molti utenti finali è persino più importante del tempo di attività.

Se visiti un sito che conosci e capita di essere offline una volta, non è così grande dato che la prossima volta che verifichi che sia disponibile. Tuttavia, visitare un sito che è lento e non risponde di solito significa che non dovrai mai digitare nuovamente il suo URL.

Le statistiche mostrano altrettanto.

Da quando ho voluto creare la recensione di hosting condivisa Namecheap più dettagliata e onesta, Ho dovuto semplicemente eseguire il mio sito attraverso tre controlli di velocità.

La velocità media non era eccezionale. Mentre il tempo impiegato per inviare il primo byte dal server non è poi così male, la pagina si carica completamente in un secondo intero.

Questo non lo è veramente lento, ma per un’installazione di base di WordPress senza plug-in o contenuti significativi non è neanche così veloce, soprattutto se confrontato con i migliori provider di hosting.

La velocità di hosting di Namecheap sembra scendere proprio nel mezzo del pacchetto di provider di hosting qui sul Tribunale di hosting.

Quando ho testato il modo in cui il server condiviso Namecheap gestisce il traffico in entrata, i risultati sono stati anche nella media.

Prestazione stabile.

Non quella risposta lenta e piuttosto stabile da Namecheap.

50 utenti simultanei hanno portato il tempo medio di risposta a circa un secondo intero. Ancora una volta, questo è su un sito con pochissime pagine di base e senza plug-in. Solo InMotion Hosting e HostGator Cloud hanno funzionato più lentamente.

Tempo medio di risposta 2018 – 0,38 secondi

Tempo medio di risposta 2019:

  • Gennaio – 0,32 secondi
  • Febbraio – 0,33 secondi
  • Marzo – 0.32s
  • Aprile – 0,39 secondi
  • Maggio – 0,32 secondi
  • Giugno – 0.37s
  • Luglio – 0,32 secondi
  • Agosto – 0.36s
  • Settembre – 0.33s
  • Ottobre – 0,29 secondi
  • Novembre – 0.39s
  • Dicembre – 0.40s

Tempo medio di risposta 2020:

  • Gennaio – 0.34s
  • Febbraio – 0,39 secondi

Pagina completamente caricata 2018 – 1.05s

Pagina completamente caricata 2019:

  • Gennaio – 0,76 secondi
  • Febbraio – 1.16s
  • Marzo – 0,81
  • Aprile – 1.00
  • Maggio – 0.94s
  • Giugno – 0,83
  • Luglio – 1.03s
  • Agosto – 1.01s
  • Settembre – 1.09s
  • Ottobre – 0.91s
  • Novembre – 1.00
  • Dicembre – 1.03s

Pagina 2020 completamente caricata:

  • Gennaio – 0,88
  • Febbraio – 0,87 secondi

Risposta sotto carico 2018 – 0.99s

Risposta sotto carico 2019:

  • Gennaio – 2,07 s
  • Febbraio – 1,23 s
  • Marzo – 0,95 secondi
  • Aprile – 0,89
  • Maggio – 1,87 s
  • Giugno – 1,59
  • Luglio – 2.30s
  • Agosto – 1,45
  • Settembre – 1.14s
  • Ottobre – 1,28 s
  • Novembre – 0.96s
  • Dicembre – 1.15s

Risposta sotto carico 2020:

  • Gennaio – 0,93 s
  • Febbraio – 0,99s

"La velocità di Namecheap è OK, ma è lontana dagli host più veloci là fuori."

3. Supporto sciatto

Il supporto tecnico di qualità crea tranquillità senza pari. Sapere che ci sono professionisti qualificati pronti ad aiutare ogni volta che si presenta un problema infonde grande fiducia in qualsiasi servizio di web hosting.

Detto questo, ho trovato il servizio clienti Namecheap deludente. Ho contattato più volte il team di supporto e vendita.

Mentre le mie domande erano semplici, stavo ricevendo risposte dirette, ma nel momento in cui sono arrivato per un vero problema l’interazione è diventata piuttosto disordinata.

Ho menzionato come Namecheap promette un uptime del 100% e tuttavia il mio sito non ha mai usufruito di un servizio ininterrotto.

Bene, ho contattato l’assistenza e ho sollevato la domanda. L’agente si stava prendendo il suo tempo, ma alla stessa richiesta di chat è stata data risposta molto rapidamente. Fin qui tutto bene.

Dopo avermi verificato (circa 10 minuti nell’interazione) all’improvviso disse che doveva trasferirmi a un altro agente e l’aveva appena fatto. Non si è preoccupato di chiedermi se stavo bene con quella mossa o di spiegare la sua motivazione.

La mia ipotesi è che il suo turno fosse finito e mi ha appena scaricato dal suo collega.

Il collega ha detto di aver letto la conversazione e di aver compreso la mia domanda. Tuttavia, tutto ciò che ha fatto è stato citare i termini di servizio relativi ai tempi di attività e agli strumenti di monitoraggio di terze parti. Ho dovuto spiegare di nuovo che questi termini sono la vera ragione per cui sto contattando il supporto, in modo che possano confermare se il mio sito è stato chiuso, anzi.

Secondo lui, non era stato giù. Affatto.

Non mi è stata offerta alcuna prova del fatto che il servizio Namecheap sia stato effettuato senza alcun inconveniente. Nessun registro o almeno un’istantanea del periodo di cui mi chiedevo.

Oltre al modo deludente in cui il primo agente ha gestito la nostra interazione, devo dire che il servizio clienti Namecheap manca di un certo grado di professionalità e desiderio di aiutare.

" Ho riscontrato che il servizio clienti Namecheap è carente nelle capacità comunicative e nella volontà di aiutare."

I pro di Namecheap

All’inizio di questa recensione, ho promesso di rispondere alla domanda: Namecheap ospita qualcosa di buono? Bene, ecco le cose che rendono questo host un posto degno per ospitare il tuo sito.

1. Eccellente piano di partenza

Di seguito puoi trovare ulteriori informazioni sui piani di hosting Namecheap, ma voglio chiarire che il piano più piccolo dell’azienda è un vero gioiello. Può costare fino a $ 2,88 al mese e consente l’hosting di tre siti Web.

Piccolo ma stellare, anzi.

Questo è solo l’inizio dell’elenco delle funzionalità del piano Stellare.

La maggior parte delle altre società che ho recensito hanno progettato piani di avvio adatti per un singolo sito Web e niente di più, il che rende l’offerta Namecheap preziosa e unica.

Considerando tutte le funzionalità che include il più piccolo piano Namecheap, devo dire che è un’ottima opportunità per le persone che vogliono ospitare due o tre siti di piccole o medie dimensioni.

2. Migrazioni gratuite e altro

Namecheap offre la migrazione del sito gratuitamente. Se disponi di un sito Web cPanel esistente altrove e decidi di passare a Namecheap, i passaggi sono semplici, chiari e richiedono un coinvolgimento minimo per tuo conto.

Devi semplicemente fornire l’accesso ai tecnici di hosting web Namecheap al tuo attuale cPanel e basta. Lavoreranno la loro magia senza ulteriore coinvolgimento e probabilmente senza tempi di fermo. Anche se ce n’è uno, non supererà i 15 minuti.

Qui è dove diventa davvero interessante. Nel caso in cui i tempi di fermo del tuo sito superino il quarto di ora, hai diritto a un hosting gratuito pari al tuo acquisto iniziale. In altre parole, se acquisti l’hosting per un anno e non sei soddisfatto del modo in cui il tuo sito viene migrato, puoi finire con un intero anno di hosting gratuito.

3. Politica dei prezzi equi

A differenza di molti altri host che aumentano considerevolmente le commissioni una volta che è tempo di rinnovarlo, il prezzo di rinnovo di Namecheap non aumenta. Lo trovo straordinariamente onesto, poiché le commissioni scandalosamente basse di alcune aziende non sono realistiche a lungo termine.

Possedere un sito Web non è un investimento a breve termine. Potrebbe essere qualcosa che paghi per decenni se il sito va bene. GoDaddy e HostGator adorano la tattica di un prezzo di lancio economico e di una tassa di rinnovo notevolmente più marcata. Anche SiteGround, un’azienda altrimenti aperta e trasparente, implementa questo approccio di marketing.

A Namecheap, le tasse rimangono le stesse.

4. Backup gratuiti

Tutti i piani Namecheap includono backup gratuiti. Solo il più grande gode di backup giornalieri ma anche due volte a settimana è rispettabile, dato che è privo di costi aggiuntivi.

Viviamo in un’era digitale che rende la perdita di dati una parte inevitabile della vita. Ciò è particolarmente vero quando si tratta di siti Web in quanto vi sono molti casi che richiedono l’uso di un backup integro.

I backup gratuiti sono fantastici.

Solo il piano più ampio include backup giornalieri ma anche due volte a settimana è abbastanza frequente.

Aggiornamenti del sito, malfunzionamenti dei plug-in e hack sono solo i motivi più popolari per cui i backup sono così fantastici. Pensaci, i backup automatici regolari sono fantastici.

5. Incredibili opzioni di registrazione del dominio

Se cerchi recensioni Namecheap recenti del 2019 senza specificare che sei interessato al web hosting, imparerai quanto è buono un registrar dell’azienda. Senza ombra di dubbio, lo è.

Ora, se ti stai chiedendo “Namecheap è meglio di GoDaddy?” per la registrazione del dominio, non posso davvero dirlo perché non ho mai usato quest’ultimo per lo scopo. Posso assicurarti che Namecheap è spettacolare, però. La sua interfaccia pulita, i buoni affari e gli innumerevoli TLD disponibili lo rendono la scelta migliore per la registrazione del dominio.

6. Area utenti eccellente

Mi piace molto il pannello di controllo di Namecheap. È molto pulito e ordinato, ma mostra una tonnellata di informazioni a colpo d’occhio.

L'area di accesso Namecheap è snella e pulita.

Il layout semplice e funzionale attende tutti i clienti Namecheap.

La navigazione tra le varie opzioni è semplice e veloce e la gestione del prodotto è molto semplice. Non ci sono praticamente upsell e l’accesso a tutto – fatturazione, gestione del dominio, gestione dell’hosting – è facile come si arriva.

Puoi migliorare la protezione della tua area di accesso Namecheap anche con un’autenticazione a 2 fattori, garantendo l’integrità del tuo account per sempre.

7. Pagina di stato eccellente

È molto facile vedere Namecheap non funzionante o ha una manutenzione programmata.

La pagina di stato è abbastanza dettagliata e istruttiva. Qui sono disponibili annunci per manutenzione, aggiornamenti dei servizi, migrazioni dei server, stato della rete, e-mail e servizi di dominio.

La pagina di stato di Namecheap è completa.

Ecco come deve apparire una pagina di stato.

Mi piace davvero quanto sia utile e gli aggiornamenti regolari che vede.

8. Pagamenti Bitcoin

Devo ammettere che non è strettamente legato al web hosting, ma avere l’opportunità di pagare per servizi digitali con una vera valuta digitale mi sembra fantastico.

Periodo.

I contro di Namecheap

L’hosting Namecheap ha i suoi difetti. Principalmente, è la velocità mediocre e il tempo di attività, ma alcuni altri aspetti del prodotto offerti dall’azienda potrebbero essere migliorati.

1. Accelerazione SSD?

L’accelerazione SSD è un termine che ho sentito per la prima volta mentre preparavo questa recensione di Namecheap. Senza il trucco di marketing, significa che l’hosting non è su server SSD.

Ciò potrebbe spiegare in parte le prestazioni non impressionanti del mio piano Stellar Plus, poiché gli SSD sono molte volte più veloci dei vecchi HDD

2. Spazio limitato

Sia il piano più piccolo che quello più grande hanno uno spazio di archiviazione limitato.

20 GB per tre siti Web non sono pochi, mentre anche i 50 GB di spazio SSD sembrano decenti.

Tuttavia, molti concorrenti non pongono limiti realistici allo spazio che un account può utilizzare, purché non violi i termini di servizio.

3. Data center limitati

Namecheap non ha molto da offrire in termini di posizioni di hosting. La società possiede un data center a Phoenix, in Arizona, e offre server di collocazione nel Regno Unito. Quest’ultimo costa di più.

La maggior parte degli altri host principali gestisce almeno due data center propri e molti hanno server in tre continenti.

Per le persone che desiderano ospitare il loro sito Web negli Stati Uniti, questa limitazione non è così significativa, ma per tutti gli altri, potrebbe peggiorare leggermente le prestazioni. Se la velocità visualizzata da Namecheap fosse migliore, non avrebbe importanza, ma con un servizio già più lento della media, non ha molto senso.

Raccomandiamo Namecheap?

Namecheap è un host decente in un determinato contesto.

Lo consiglio a chi ha un paio di piccoli siti Web e ha un budget limitato.

La ragione principale di ciò è che il piano Stellar ha una grande quantità di funzionalità, costa meno di $ 16 all’anno quando è prepagato e i siti di piccole dimensioni non generano quantità folle di traffico in modo da poterlo gestire. Infine, i piccoli siti in genere hanno meno cose che possono rompersi, quindi non sarai molto affidabile sul discutibile supporto Namecheap.

Nel caso in cui tu stia cercando un hosting affidabile e ad alta velocità in cui la tua presenza online possa crescere e prosperare, starai meglio con alcune delle migliori società di hosting di siti Web che abbiamo qui. Dopotutto, c’è un motivo per cui la maggior parte delle recensioni positive di Namecheap riguardano la gestione dei nomi di dominio.

NAMECHEAP IN BREVE

Supporto

Base di conoscenza

Piani di hosting condivisi

Pannello di controllo

Numero di domini ospitati

Numero di database

E-mail

Backup e ripristino

Conservazione

Larghezza di banda

Tecnologia

Sicurezza

Registrazione del nome di dominio

Migrazione del sito

Costruttore di siti Web

ecommerce

Hosting specializzato

Hosting Windows

Centri dati

uptime

Velocità

Prezzi

Struttura dei prezzi

garanzie

Rimborsi proporzionati per la cancellazione anticipata

omaggi

Sito web aziendale

Cultura aziendale –

Supporto un po ‘lento e non eccessivamente efficiente. Il piano più grande riceve supporto prioritario.
Una base di conoscenza ragionevolmente ricca e accessibile.
Naemcheap ha tre piani di hosting condivisi.
cPanel
Tre domini per il piccolo piano, illimitati per gli altri due.
50 database MySQL per il più piccolo impianto, MySQL illimitato e PostgreSQL altrimenti.
30 account per il più piccolo, illimitato altrimenti. Fino a 2 GB per cassetta postale.
Backup di cortesia due volte a settimana; il piano più grande riceve un servizio giornaliero e settimanale.
20 GB per il piano più piccolo, senza limiti per quello medio e 50 GB di spazio SSD per il più grande.
unmetered.
Un numero ragionevole di applicazioni supportate.
Data center sicuri.
Registrazioni di domini a pagamento.
Migrazione in entrata gratuita.
Sì, incluso su tutta la linea.
Il programma di installazione in 1 clic consente diversi strumenti di e-commerce e SSL gratuito aiuta molto.
Hosting WordPress disponibile.
No.
Un data center in Arizona, negli Stati Uniti e uno nelle Midlands, nel Regno Unito.
Garanzia di operatività al 100%.
Ragionevole velocità.
Piani a prezzi accessibili se prepagati, commissioni di rinnovo non così economiche.
Namecheap segue la politica industriale standard di basse tasse introduttive e rinnovi piuttosto ripidi.
30-giorni rimborso garantito.
No.
SSL positivo positivo per il primo anno.
Sito facile da navigare dove tutte le informazioni sono facilmente recuperabili.
Namecheap è un forte sostenitore della neutralità della rete e della libertà di Internet.
Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me

About the author

Adblock
detector